SPEDIZIONE GRATUITA su tutti gli ordini superiori a € 20!

close-cart

Nessun prodotto nel carrello.

  • Home
  • La storia di Su

chi siamola storia di Susan

Come un direttore pubblicitario olandese è finita a produrre granola in Italia

Il cibo è qualcosa di straordinario. È tutto, beh, non proprio tutto, ma riveste un significato fondamentale nella vita.

Intere giornate ruotano attorno al cibo. Il cibo costituisce più di un nutrimento e una fonte di energia di cui il tuo corpo ha bisogno. Il cibo fa sì che un gruppo di persone diventi una famiglia: sia all’inizio della giornata con la colazione o al termine della stessa per la cena. Consente di avere un momento di condivisione delle storie accadute durante il giorno, gli avvenimenti che ti hanno reso felice o triste. La discussione frivola o l’argomento serio. E le molte risate. Il cibo che è il collante che mette tutti intorno al tavolo, una famiglia o un gruppo di amici.

Una ragazza olandese

Cresciuta in una piccola città al confine tra i Paesi Bassi e la Germania, mi piace sempre riferirmi alla mia famiglia come una tipica famiglia italiana travestita da un gruppo di olandesi alti-biondi-con gli occhi blu.

Anche se siamo molto olandesi, il cibo tende a essere al centro della scena, proprio come accade per la maggior parte delle famiglie italiane.

Alcuni dei ricordi più vividi della mia infanzia sono legati al cibo. Il momento clou della mia settimana era il fare la spesa con mia madre il venerdì sera. Era l’occasione per visitare tutti i negozi specializzati e scegliere gli ingredienti e i prodotti migliori per la cucina del fine settimana.

Ed ecco che, dopo 25 anni, faccio lo stesso con mio marito sabato mattina al mercato di Padova, cosa che ora è diventata il nostro rituale di famiglia.

La gioia del fine settimana

Durante l’infanzia, le pietanze erano piuttosto semplici durante la settimana. Ma durante il fine settimana mia madre si impegnava davvero, e quindi lo shopping gastronomico del venerdì sera diventava una cosa seria.

In un’occasione avrebbe preparato la salsa di miele e timo perfetta per accompagnare il carrè di agnello. (Il che non era un compito da poco, dato che sarebbero servite circa 24 ore per cucinare la salsa alla perfezione!)

In un’altra l’avremmo invece aiutata in cucina per preparare una torta di mele con le mele acide dell’albero del nostro giardino, mentre litigavamo su chi avrebbe potuto leccare l’impasto.

E con l’arrivo della primavera, spesso avrebbe preparato una marea di cozze fresche al vapore (con patatine fritte e maionese, ovviamente), servite nel giardino. Nella padella arancione che mio padre usa ancora, 30 anni dopo, per cucinare lo stesso identico piatto.

Tentar non nuoce…

Sono cresciuta con l’idea che i bambini, sempre curiosi di provare gusti diversi, debbano poter provare tutto. I miei genitori vivevano secondo questa regola. Quando avevo circa due anni trascorsi un’intera serata seduta sotto un tavolo in un ristorante nelle campagne del Sud della Francia, leccando il burro all’aglio che rimaneva nei gusci delle lumache mangiate dai miei genitori.

Ogni inizio è difficile

Quando mia madre morì in giovane età, mio padre prese la decisione consapevole di continuare la tradizione dei pasti cucinati in casa. Ha imparato a cucinare e, con il piccolo aiuto di alcuni amici, cuochi fantastici, abbiamo continuato a essere viziati con pasti meravigliosi ogni giorno.

Dovevo avere circa 13 anni quando ho iniziato a cucinare per la famiglia in qualche occasione. Ciò ha comportato inizialmente molte errori e tentativi fallimentari, ma che non hanno mai impattato negativamente sulle mie ambizioni culinarie.

Ricordo, quando avevo 14 anni, di aver insistito per cucinare l’intera cena di Natale, composta da 9 portate (!) per 12 persone, senza aver mai provato a cucinare prima un singolo piatto… Fu un errore da principiante, che mi portò a passare 3 giorni di seguito in cucina e un sacco di stress. Mio padre fu fantastico come sempre e mi lasciò gestire la cosa da sola, anche se mi atteggiavo come una piccola irascibile Gordon Ramsey. Per esempio, la mia sorellina di sei anni fu aspramente criticata per non aver tagliato i pomodori esattamente nel modo in cui le avevo chiesto di farlo!

Per fortuna, le mie maniere in cucina sono notevolmente migliorate da allora.

La famiglia, e qualcun altro…

C’era anche qualcos’altro che sembrava molto italiano nella nostra famiglia: ad ogni pasto preparavamo non solo il cibo necessario per la famiglia, ma sempre qualcosa in più. Mia madre cucinava sempre per la nostra famiglia di cinque persone, più almeno altre due persone. Perché non si sapeva mai se qualcuno fosse venuto a darci un saluto senza preavviso, e in quel caso senza dubbio sarebbero stati invitati a rimanere a cena.

 Quando a 19 anni sono andata a vivere da sola in una piccola stanza (ma accompagnata da una microscopica cucina) nella meravigliosa Amsterdam, ero così abituata a cucinare per un gran numero di persone che nei primi mesi continuavo a cucinare quantità di cibo per circa sei persone anziché una.

Vivendo adesso in Italia, cucino ancora spesso troppo cibo, ma c’è sempre un vicino affamato o un familiare che ne approfitta. Non c’è regalo migliore di un cibo sano e gustoso, fatto in casa, quando torni a casa dopo una lunga giornata di lavoro.

Penso sempre al cibo

Mi sveglio pensando alla colazione e, mentre la mangio, penso ai piatti che creerò per pranzo e cena.

Le vacanze che faccio sono spesso incentrate sul cibo. Prima di guardare qualsiasi altra cosa, prenoto i ristoranti! E quando, insieme alle mie sorelle o a mio marito, ripenso ai viaggi abbiamo fatto insieme, parliamo soprattutto del cibo che abbiamo assaggiato e dei ristoranti che abbiamo visitato.

Quindi ora potresti chiederti perché non ho aperto un ristorante, invece di un'azienda che produce cibo?

Bene, è piuttosto semplice: ci sono molti ristoranti fantastici e molti chef ancora migliori.

Quello che volevo fare invece è creare qualcosa che apporti valore alle persone in modo diverso. Creando qualcosa che personalmente mi mancava, e sono sicura che anche altre persone ne condividono la necessità:

Alimenti pronti che siano sani e gustosi come se uscissero direttamente dalla mia cucina in Italia. Alimenti pronti senza compromessi.

Un passo indietro

Facciamo un passo indietro per provare a spiegarti da dove proviene il mio bisogno di cibi pronti, gustosi e salutari.

Dopo aver studiato ad Amsterdam sono entrata nel mondo delle multinazionali. Mentre viaggiavo il mondo, lavorando come direttore generale delle comunicazioni, la cosa più frustrante che ho trovato era di non riuscire a trovare cibi pronti che non rappresentassero un compromesso in termini di gusto e salute.

Viaggiare e lavorare per lunghe ore è abbastanza faticoso per la tua mente e per il tuo corpo e l’ultima cosa che desideri è un cibo che ti rallenti ancora di più.

Ci sono molti prodotti, ad esempio le barrette energetiche, che sembrano darti energia ma in realtà fanno il contrario. Ho scoperto sul mio corpo che avrei sì ricevuto una sferzata di energia, ma in pochissimo tempo sarei stata ancora più stanca di prima – il famigerato picco / calo di zuccheri.

Così ho iniziato a studiare attentamente tutte le etichette dei prodotti pronti, incluse barrette energetiche, granola ecc. Ti risparmierò tutti i dettagli, ma la maggior parte di ciò che è là fuori non è molto salutare per te, anche se le affermazioni sulle confezioni cercano di convincerti del contrario.

L’unica soluzione era preparare da sola questo tipo di cibo a casa, nel poco tempo libero che mi restava, e portarlo con me durante il viaggio.

Ho fatto ricorso alla preparazione di cibi e spuntini a casa, nel poco tempo libero che mi restava, e di portarli con me in viaggio.
Stavo trascinando borse piene di cibo negli aeroporti e nelle stazioni ferroviarie, il che era tutt’altro che ideale. Ma almeno sono stato in grado di alimentare il mio corpo con l’energia di cui aveva bisogno per sostenere questo folle stile di vita, e il suo ruolo nella vita di tutti i giorni è più complesso di quanto avrei mai potuto immaginare prima di trasferirmi qui.

Da quando vivo in Italia, i miei occhi e le mie papille gustative sono stati trattati per banchetti inimmaginabili e la mia conoscenza del cibo si è espansa al di là del riconoscimento.
La stagionalità è ancora il criterio più importante per ciò che verrà offerto nelle bancarelle del mercato settimanale e ogni regione e città ha il suo cibo o piatto speciale. Potrei viaggiare in Italia per il resto della mia vita e non essere ancora in grado di assaggiare tutto ciò che ha da offrire.

La bella italia

Andando in avanti nel tempo di 7 anni, quando mi sono trasferita in Italia, il mio viaggio nel cibo è diventato ancora più appassionante e interessante.

C’è molto di più nel cibo italiano di quanto sembri, ed è sicuramente più complesso di quanto potessi mai immaginare. Da quando vivo in Italia, i miei occhi e le mie papille gustative hanno imparato tanto e la mia comprensione del cibo si è ampliata enormemente.

Il rito dello shopping, della cucina e del cibo è una parte esistenziale della vita in Italia. Ti prendi il tempo per fare tutti e tre, con cura.

Al mercato in Italia, troverai solo prodotti stagionali e freschi.

Beh, non sono certo un cuoco italiano tradizionale che produce solo pasta e pane fatto in casa. Anzi, adoro combinare le conoscenze gastronomiche che ho acquisito in tutti gli anni di viaggi, imparando da tutte le diverse culture e i paesi che ho visitato. Sulla mia tavola troverai piatti da tutto il mondo, combinando gli ingredienti migliori e più interessanti. Che ne dici di melanzane italiane grigliate, dopo una marinatura con il miso, sciroppo di datteri e limone della costiera amalfitana?

Mentre adottavo la filosofia italiana del mangiare e mi facevo prendere dalla cultura del cibo italiano, avevo ancora il problema del tempo che scarseggiava. Perché anche se sembra tutto molto romantico, nessuno ha il tempo di cucinare sempre partendo da zero, dagli ingredienti freschi.

Ho trovato alcuni modi intelligenti di cucinare, ma non riuscivo a smettere di sognare quanto sarebbe stato fantastico trovare cibo pronto anche per quei giorni in cui non avevo davvero il tempo di fare qualcosa da sola.

Senza dover scendere a compromessi sul gusto e sulla nutrizione, come se fosse fatto in casa!

Dopo molte ricerche sull’industria alimentare sembrava impossibile creare cibi pronti che siano buoni come un pasto cucinato in casa. E senza costare una fortuna o mantenendo la qualità della produzione su piccola scala.

Ma a me piacciono le sfide, quindi sono andata a lavorare basandomi su questa ricetta:

Ricetta: superfood su.sana

(cibo pronto come un sano e gustoso pasto italiano cucinato in casa))

  • ½ tazza di frustrazione
  • 1 tazza di testardaggine e perseveranza
  • 7 manciate di ottimi ingredienti
  • 3 cucchiai colmi di energia positiva
  • una spolverata di esperienza mondiale

mescolare tutto insieme e cuocere lentamente per circa 8 mesi.. Ed eccoci qui, il risultato è il primo prodotto che esce dalla mia cucina: su.sana granola.

Un granola che è vero sano e gustoso, ha tutti i valori nutrizionali che ti aspetti da una buona colazione ma soprattutto: è esattamente lo stesso del granola che preparo nella mia cucina per la mia famiglia.

su.sana granola – la prima vera granola italiana dalla mia cucina alla tua.

Perché il marchio si chiama su.sana superfood

Prima di tutto ‘su‘ è l’abbreviazione di Susan. Sono l’amministratore delegato e il fondatore dell’azienda.

Dal momento che il viaggio che mi ha portato qui ed il motivo per avviare questa società sono così personali, mi è sembrato giusto inserire il mio nome.

Non perché mi piace vedere il mio nome in un logo, ma perché credo che i veri marchi con uno scopo dovrebbero avere una voce reale e non nascondersi dietro un nome inventato.

E poi, “Su!” È anche la parola più adatta per esprimere l’energia che vorrei darti.

‘sana’ è la parola che significa “salutare” in italiano, semplice.

Per ultimo, ma non meno importante: ‘superfood’

Sappiamo che ci sono molti tra voi, proprio come noi, che sentono il bisogno di un po’ di potenza in più per superare la giornata.

Sfortunatamente, il nostro cibo non ti darà i superpoteri come volare o correre molto velocemente, ma ti darà un potere molto importante di cui abbiamo sempre bisogno di più: energia.